Pubblicato da: bresciain | 10/04/2012

Nuovo evento: “Chi ha rubato il bastone da maresciallo che avevo nel mio zaino?”

Meritocrazia e clientelismo sotto Napoleone

Una serata all’insegna della sperimentazione guardando alla storia per comprendere ORA qual è il nosto concetto di meritocrazia!

Il nostro ospite, Federico Vellani, ci condurrà attraverso la Rivoluzione Francese fino all’Impero di Napoleone.

Sei pronto alla sfida?

Tema in sintesi
La Prima Repubblica Francese nei suoi primissimi anni (in particolare fra il 1793 ed il 1794) generò un
elevato numero di competenti leader militari.
Il processo di selezione rapido, severo e meritocratico, fu applicato in modo equo a tutti i cittadini sotto le
armi senza alcuna discriminante se non quella della competenza.
La meritocrazia, evidenziata dal leit motiv della propaganda (“ogni soldato porta nello zaino un bastone da
maresciallo”), caratterizzò estensivamente il periodo repubblicano ma, successivamente, la sua
applicabilità fu limitata solo ai livelli più operativi.
Nel 1804 Napoleone Bonaparte, ai vertici dello stato e alle soglie del trono imperiale, iniziò ad individuare i
suoi collaboratori più importanti, che nominò Marescialli dell’Impero, in base a criteri politico-clientelari.
Nei primi anni dell’Impero (dal 1805 al 1807) le prestazioni richieste a questi Marescialli furono compatibili
con le loro capacità. Negli anni successivi, in un contesto sempre più esigente che richiedeva crescenti
capacità e la necessità di gestire le situazioni in autonomia, i limiti del Maresciallato divennero sempre più
evidenti: il gap competenziale che si evidenziò impedì la realizzazione degli ambiziosi progetti strategici
dell’Imperatore e successivamente, costituì una della cause del crollo del regime Napoleonico.
Conclusioni
L’analisi evidenzia che le scelte dei collaboratori chiave basate su logiche non meritocratiche sono
perfettamente sostenibili in un contesto statico, caratterizzato da scarsa complessità.
Tale sostenibilità decade all’aumentare della complessità del contesto, quando la non reversibilità di tali
scelte danneggia irrimediabilmente il leader che le ha intraprese impedendo il conseguimento della sua
strategia e minando lo sviluppo della sua organizzazione.
Metodica dell’analisi
Agli approfondimenti relativi al contesto (dalla Rivoluzione del 1789 alla Restaurazione del 1815), è stata
associata l’analisi strutturata dell’iter di carriera dei 26 Marescialli dell’Impero in base ad elementi quali, ad
esempio, i conseguimenti precedenti l’ammissione alla selezione per il Maresciallato, l’iter di selezione, i
risultati generati durante la carica.
Speaker
L’autore dello studio, Federico Vellani, ha maturato, a livello professionale, significative esperienze
nell’ambito dell’organizzazione aziendale.
Nella vita extra professionale coltiva da decenni un importante interesse per gli approfondimenti su temi
storici.

Ti aspettiamo giovedì 19 aprile alle ore 20,30 presso l’Hotel Vittoria a Brescia.

È previsto un aperitivo a buffet.
Contributo spese : 15 €

Iscriviti qui!

Save the date
Giovwdì 19 aprile ore 20,30
Hotel Vittoria
Via dieci giornate, 20
25121 Brescia
Costo ingresso: 15 €


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: